Flora e fauna

Caratteristiche. Il corpo è sacciforme, allungato. Ai lati dei corpo, nella seconda metà troviamo due pinne triangolari che si uniscono posteriormente a formare una specie di punta. Il nuoto avviene o mediante queste pinne o con l'espulsione di un getto d'acqua attraverso un tubo ventrale, detto sifone.  

Caratteristiche. Corpo fusiforme con sezione pressochè rotonda, scaglie visibili e presenti sul corsaletto toracico. Testa conica, muso appuntito, bocca terminale obliqua verso l'alto, finemente dentata con la mascella inferiore prominente, occhi medi, opercolo molto grande. Le pinne dorsali sono due, nettamente separate tra loro. 

Caratteristiche. Caratteristica principale della Seppia, come di tutti i Cefalopodi, è quella di avere il capo circondato da una serie di tentacoli: in questo caso, due braccia tentacolari, più lunghe, retrattili e dotate di ventose, e otto tentacoli di minori dimensioni, ma sempre ricoperti da ventose. Il corpo della Seppia è ovale, schiacciato, come ovale e schiacciata è la conchiglia interna (il famoso osso di seppia) che rimane coperta dal mantello. Il corpo inoltre, è interamente bordato da due pinne, di uguale altezza, che nella zona posteriore risultano separate. La bocca è dotata di due mascelle cornee a mo' di becco di pappagallo. Gli occhi sono grandi e le pupille, molto strette, hanno una forma simile all'omega dell'alfabeto greco.

Caratteristiche. E lo Scorfano più grosso e corpulento che abita i nostri mari, ricercato specialmente per cucinare le zuppe di pesce. Il corpo è particolarmente. robusto e il capo, molto evidente, è ricoperto di spine. L'occhio è leggermente ovale e più piccolo, in proporzione, di quello della Scorpaena porcus e della Scorpaena notata.  Anche le appendici carnose della testa sono meno sviluppate di quelle della Scorpaena porcus, tranne che sul mento, dove sono invece numerose. Le scaglie sono piuttosto grandi: lungo la linea laterale se ne possono contare da trentacinque a quaranta. il colore è molto variabile, secondo gli esemplari, la latitudine e la natura del fondo. Di solito è bruno rossastro, con macchie più scure e più chiare.

Caratteristiche. Il corpo è ovale, ma più tozzo di quello della Perchia, alla quale assomiglia molto. Il margine posteriore del preopercolo è dentellato e l'opercolo ha due spine. Le scaglie sono più grandi di quelle della Perchia. Tra il muso e il dorso c'è una marcata concavità.  La prima parte della pinna dorsale, che è unica come in tutti i Serranidi, è composta da raggi spinosi, mentre la seconda da raggi molli. Il dorso e i fianchi sono bruno rossastri e giallastri e sono ben visibili dalle quattro alle sette bande scure verticali.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione Cookie dell'informativa sul trattamento dati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.