Finalmente è possibile visitare la cisterna romana del Corridoio

Un altro sito archeologico di Ponza è stato riportato alla luce. Finalmente è possibile visitare anche la cisterna romana del Corridoio. L'inaugurazione della cisterna romana è avvenuta il 25 giugno alla presenza del sottosegretario ai beni culturali, archelogici e turismo, Antimo Cesaro. A fare gli onori di casa il sindaco Vigorelli. 

La cisterna del Corridoio,  relativamente piccola, è  collegata ad un'altra cisterna molto più grande che non è ancora possibile aprire al pubblico in quanto in questi anni è stata oggetto di svariati atti di vandalismo (gli accessi sono stati ostruiti per realizzarne abitazioni e un noto albergatore isolano l'ha usata come discarica). 

Attualmente i siti archeologici visitabili a Ponza, oltre alla Cisterna del Corridoio, sono la Cisterna della Dragonara, le Grotte di Pilato, la necropoli del Bagno Vecchio e la necropoli in località Guarini, sul versante della baia di Chiaia di Luna. Tutti siti archeologici di epoca romana.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione Cookie dell'informativa sul trattamento dati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.